LEI



Tu che non conosco affatto.
Da nome dato alle amate,
Tanto desiderate quando nate.
Sei immagine del mondo astratto


Vestita di bel color scarlatto,
Rendi le singole fantasie animate
E non volente uomini adulate,
A seguirti escon di matto.


Corpo e movenze son eteree,
Con parole d'incanto assieme,
Rendono l'aria molto lieve.


Fresca come invernal lenta neve
E salace nel suo insieme,
Vivi con legger ali aeree
Torna su